Emma attraverso le parole di Silvia

RACCONTATECI DI EMMA
Emma è arrivata nella nostra famiglia il 13-06-14 ad aspettarla oltre a noi genitori c’erano Simone e Alessia i suoi fratelli maggiori.
Emma è una bimba serena a cui bastano poche cose come le attenzioni, le coccole e le sue routine quotidiane.
COSA PIACE AD EMMA?
Ad Emma piace stare all’aria aperta, farsi portare a spasso e andare sull’altalena, oltre a stare in piscina; inoltre le piace mangiare di tutto ma in particolare le patatine e i crackers
COSA NON LE PIACE?
Se si ritarda a metterla a letto Emma piange disperata, si lamenta quando viene svegliata, non gradisce l’acqua fredda per lavare le manine, né la crema sul viso  e odia in assoluto essere pettinata
QUAL E’ STATO IL MOMENTO PIU’ DIFFICILE CHE LA VOSTRA FAMIGLIA HA VISSUTO DALLA NASCITA DI EMMA?
Il momento più difficile che abbiamo incontrato è stato quello della diagnosi avvenuta ai 20 mesi e della successiva comunicazione ai fratelli della sindrome che causava il suo ritardo psico-motorio e le crisi epilettiche
QUAL E’ STATO IL MOMENTO PIU’ BELLO?
Il momento più bello è stato sicuramente quando ha dormito la sua prima notte a casa dopo la sua nascita e tutte le sue prime tre settimane di vita quando pareva crescere sana;  dopo la diagnosi abbiamo imparato a godere delle giornate serene senza crisi, delle sue piccole conquiste e dei rari sguardi che incrociano i nostri e dei larghi sorrisi  che riempiono il cuore e che riescono talvolta a spazzare via, almeno  un po’, la tristezza
QUAL E’ LA PRIMA COSA CHE FARETE QUANDO ARRIVERA’ LA CURA?
Quando arriverà la cura …ci piacerebbe fare un viaggio tutti e cinque insieme senza meta ma con la mente libera da ansie e preoccupazioni